Sab. 18 Novembre 2017 
 
Radioscitilla!
 
 
   
 
Radio Scintilla!
Programmi »
Ascolta la radio!!



OPEN CALL PER OLINDO GUERRINI - Il 22 dicembre maratona di lettura al Quintet
OPEN CALL PER OLINDO GUERRINI - Il 22 dicembre maratona di lettura al Quintet
clear
CATTANEO E ROSSATO A RADIOSCINTILLA
CATTANEO E ROSSATO A RADIOSCINTILLA
clear
DAVIDE BENAZZI INTERVISTA MANERA E DELLA NOCE
DAVIDE BENAZZI INTERVISTA MANERA E DELLA NOCE
clear
ONE DROP REGGAE INTERVISTA FRANCISCA
ONE DROP REGGAE INTERVISTA FRANCISCA
clear
INTERVISTA A MASSIMILIANO ANZIVINO,
INTERVISTA A MASSIMILIANO ANZIVINO, "COSTRUTTORE DI CERCHI"
clear
IL NUOVO PRIMO CITTADINO DETTA L'AGENDA DEI PRIMI 100 GIORNI
IL NUOVO PRIMO CITTADINO DETTA L'AGENDA DEI PRIMI 100 GIORNI
clear
INTERVISTA A DAVIDE RANALLI, 28ENNE CANDIDATO SINDACO DI LUGO
INTERVISTA A DAVIDE RANALLI, 28ENNE CANDIDATO SINDACO DI LUGO
clear
L'ASSESSORE ASIOLI DESCRIVE IL FUTURO DELLA DARSENA DI RAVENNA
L'ASSESSORE ASIOLI DESCRIVE IL FUTURO DELLA DARSENA DI RAVENNA
clear
VIDEO - BALLERIN PRESENTA
VIDEO - BALLERIN PRESENTA "GLI STATI UNITI D'EUROPA SPIEGATI A TUTTI"
clear
INTERVISTA AD ANTONIO ALLEGRO
INTERVISTA AD ANTONIO ALLEGRO
clear
CORINNE VIGO PRESENTA
CORINNE VIGO PRESENTA "LATTINE E ALTRE STORIE"
clear
ALEX DI MAGGIO PRESENTA PARIS TANGO
ALEX DI MAGGIO PRESENTA PARIS TANGO
clear
INTERVISTA A SUOR ROSA - La situazione in Centrafrica
INTERVISTA A SUOR ROSA - La situazione in Centrafrica
clear
I VENT'ANNI DEI GOOD FELLAS - Lucky Luciano si racconta a Gianni Arfelli
I VENT'ANNI DEI GOOD FELLAS - Lucky Luciano si racconta a Gianni Arfelli
clear
INTERVISTA A ROY PACI AL ROCKHOUSE CON COR LEONE
INTERVISTA A ROY PACI AL ROCKHOUSE CON COR LEONE
clear
MISCOMMUNICATION INTERVISTA I FINLEY
MISCOMMUNICATION INTERVISTA I FINLEY
clear
RADIOSCINTILLA.IT INTERVISTA ALBOROSIE
RADIOSCINTILLA.IT INTERVISTA ALBOROSIE
clear
INTERVISTA AI DEADLY KISS
INTERVISTA AI DEADLY KISS
clear
DIBATTITO CON GLI INSEGNANTI DEL MAMA'S
DIBATTITO CON GLI INSEGNANTI DEL MAMA'S
clear
News
BLOG/"CON ORLANDO UN PD IN DISCONTINUITA' E IN GRADO DI UNIRE"di Max Venturi - Gio. 13 Aprile 2017
RAVENNA - Il pomeriggio del primo di aprile, nel suo discorso alla Sala Strocchi, Andrea Orlando ha detto 'La politica è bella quando la gente arriva all'improvviso'. Un'affermazione che li per li mi ha colpito, che era forse in embrione, ma che non sono riuscito a comprendere a pieno fino a quando, nei giorni successivi ho sentito lo stesso Orlando riproporla durante un intervento in tv, aggiungendo 'La politica è bella quando arriva gente e tu non te lo aspetti, perché significa che in quel caso sei riuscito a intercettare bisogni, domande e aspirazioni presenti nella società'.
Ecco, se dovessi descrivere l'incontro di inizio marzo, quando costituimmo il comitato provinciale Ravenna per Orlando segretario, troverei l'affermazione di cui sopra molto calzante. Come gruppo di amministratori, iscritti, militanti e simpatizzanti, provenienti da esperienze e storie anche differenti, ci siamo ritrovati attorno alla mozione di Orlando, condividendone i temi, i valori e le aspirazioni. Già a partire dal titolo 'Unire l'Italia, unire il PD' emerge con forza quel progetto per un Partito plurale, inclusivo ed in ascolto della società civile, che si candida ad essere protagonista dell'azione e del dialogo tra le forze del centrosinistra in Italia ed Europa, e che è stato in grado di attrarre tutti noi e molti altri che quotidianamente aderiscono al comitato. In un momento come quello attuale, dove anche a livello locale si colgono gli echi dei divisionismi nazionali, ci siamo organizzati per sostenere fermamente la necessità di accentuare il profilo riformista e l'inclusività del Partito Democratico, che non può che essere la forza motrice di quello schema di centrosinistra che affonda le radici nell'Ulivo, e che ha il compito di attrarre e non di allontanare, rinvigorendone il radicamento in una cultura popolare e con una marcata attenzione per la giustizia sociale ed i diritti degli ultimi. Ciò non può che passare per una revisione dello statuto e della forma Partito, alla ricerca di una rinnovata attrattività e di una maggiore efficacia dei percorsi di partecipazione ed elaborazione.


Tra i primi ad aderire vi sono stati Alberto Pagani, Fabio Sbaraglia, Matteo Fantuzzi, Mirco Bagnari, Vidmer Mercatali, Aldo Preda, Livia Molducci, Ouidad Bakkali, Fiorenza Campidelli, Silvia Quattrini, Marco Turchetti e i quattro sindaci della Bassa Romagna Ranalli (Lugo), Venturi (Alfonsine), Pasi (Fusignano) e Piovaccari (Cotignola), oltre al sottoscritto.
Tornando all'iniziativa del primo di aprile alla Sala Strocchi, in quell'occasione Andrea Orlando ha condiviso con la platea un pensiero che mi pare un'ottima sintesi del progetto che, a partire dal livello locale, vogliamo contribuire a realizzare: 'Vedo nel Partito Democratico l'unica soluzione possibile'. Come lui stesso ha detto, non si tratta semplicemente di riportare il Partito a sinistra, o di inseguire nostalgie del passato, ma di collocarlo nel pieno della questione sociale italiana ed europea. Ed ha ribadito: 'Vedo nel Partito Democratico l'unica soluzione possibile, a patto di costruire insieme un nuovo modo di starci, superando i correntismi, le conte e i rapporti di forza, segnando la fine della stagione delle riunioni che terminano come sono cominciate e trovando invece una nuova efficacia nella capacità di ascolto e di dialogo con la società, per dare quelle risposte che l'Italia richiede. Solo così potremmo gettare le basi per costruire un fronte di tutte le forze progressiste, che diventi un solido progetto di governo da contrapporre all'avanzata dei populismi e delle destre, che sono le peggiori e le più preoccupanti degli ultimi vent'anni.'
Ricordo anche un pensiero molto pragmatico espresso dal nostro Alberto Pagani a seguito delle iniziative con Orlando a Ravenna e Lugo, capace di sintetizzare in maniera molto concreta una parte fondativa del lavoro del nostro comitato:  'Ponendo al centro temi, idee e proposte concrete, lavoriamo anche per recuperare quell'ampia fetta di popolo del centrosinistra che in questi anni si è allontanato non sentendosi rappresentato, ma che oggi come in altre occasioni ha dimostrato la volontà di riavvicinarsi'.
Tra gli esponenti nazionali che abbiamo avuto il paicere di ospitare di recente c'è anche Gianni Cuperlo, che lunedì 10 aprile al Mama's ci ha regalato un intervento memorabile, un'ora tutta d'un fiato, percorrendo passaggi cruciali per la storia democratica italiana ed europea dal XIX secolo in poi, cesellandola con digressioni e riferimenti di grande spessore, giungendo fino ai giorni nostri, all'esperienza dell'Ulivo di Romano Prodi, ed alla nascita del Partito Democratico, alla potenzialità del suo ruolo da protagonista nella questione sociale italiana ed europea.
'Siamo beneficiari ed eredi di una storia che non possiamo permetterci di non portare avanti. La sinistra deve innovare se stessa e le soluzioni che indica. Quando quella innovazione insegue ricette della destra, la sinistra perde il legame col suo popolo. Bisogna chiudere il ciclo di questi anni, rimettendo al centro le proposte, i valori le idee e le coerenze che possano ricostruire quel rapporto di fiducia e quella connessione sentimentale, che ci permetta di dire chiaramente chi vogliamo rappresentare come Partito e dove vogliamo portare la nostra comunità. Come ha detto Papa Francesco, il Pastore deve portare con sé l'odore del suo gregge; allo stesso modo una guida politica deve essere portatrice dell'odore della propria comunità, nella quale questa possa riconoscersi.
Il 30 aprile è in gioco la realizzazione della vocazione più profonda, che sta all'origine della nascita del Partito Democratico, ovvero quella di farne il fulcro ed il perno di quel centrosinistra più grande di noi, che possa farsi progetto di governo, che ci rimetta in asse ed in sintonia con l'Italia ed in Europa; un progetto che serve non tanto a noi, quanto a chi verrà dopo di noi. Per questo vi chiedo e vi propongo di sostenere Andrea Orlando nella sua candidatura alla segreteria. La sua figura è un punto di equilibrio, e l'unica capace oggi di mettere in sicurezza il progetto del PD. Stimo Orlando, è un amico. Penso che assieme a lui e altri dobbiamo immaginare la discontinuità più netta con questi anni che hanno visto il leader del PD rompere l'unità del Paese, del suo campo, del Partito. Vorrei che fossimo capaci di unire tutte le forze che pensano ad un'alternativa, non solo possibile ma necessaria'.
Massimiliano Venturi
 
+ Aggiungi un commento

« torna alla lista
Scrivi un commento [x]
Nome e Cognome
E-mail*
*L'indirizzo e-mail NON verrà mostrato agli altri utenti!
Testo
Codice Scrivi il codice visualizzato sulla sinistra
  Informativa sulla Privacy
  
 
   
  Radio Scintilla [info@radioscintilla.it]-Via Matteotti 5, Ravenna, C.F.92067370392, Lic.SIAE 1100/I/08-1198 - site by Antherica srl -  Informativa sulla Privacy